Desogus (M5S): “Noi vinceremo le elezioni, centrodestra e centrosinistra non hanno un progetto e hanno già fallito”

“Centrodestra e centrosinistra non hanno un progetto per la Sardegna e provano a nascondere ai sardi i loro fallimenti. Noi siamo il vero cambiamento e noi vinceremo le elezioni”. Oltre 250 persone hanno partecipato stamattina all’assemblea organizzata a Tramatza dal Movimento 5 Stelle



“Centrodestra e centrosinistra non hanno un progetto per la Sardegna e provano a nascondere ai sardi i loro fallimenti. Noi siamo il vero cambiamento e noi vinceremo le elezioni”. Oltre 250 persone hanno partecipato stamattina all’assemblea organizzata a Tramatza dal Movimento 5 Stelle. Guidati dal candidato alla presidenza della Regione Francesco Desogus, candidati, portavoce e parlamentari hanno illustrato il programma elettorale. “Ormai centrodestra e centrosinistra non hanno neanche più ritegno a copiare parti del nostro programma” ha spiegato Desogus. “Dopo aver preso le distanze dalla Asl unica, pochi giorni fa Massimo Zedda ha smentito Pigliaru sulla dorsale del metano e ha dovuto perfino ammettere che il reddito di cittadinanza avrà una ricaduta positiva. Allo stesso modo, centrodestra e centrosinistra pensano di dare più potere ai comuni dopo aver fatto della Regione uno strumento accentratore di potere. Non sono credibili”.

Al tavolo Desogus ha voluto insieme a sé i sindaci di Dorgali e Porto Torres, Itria Fancello e Sean Wheeler, i parlamentari Emanuela Corda, Elvira Lucia Evangelista e Alberto Manca. “Abbiamo un’opportunità storica e la dobbiamo cogliere” ha continuato Desogus. “Siamo di sicuro la prima forza politica in Sardegna e rappresentiamo la parte del popolo sardo che vuole speranza. Solinas invece si nasconde dietro il volto di Salvini per provare a illudere i sardi, mentre Zedda non spiega perché al posto suo non c’è Pigliaru. Era lui che si doveva ripresentare al giudizio degli elettori. Zedda sta anche mancando di rispetto ai cittadini perché doveva mantenere il suo impegno da sindaco. Ma con questi atteggiamenti dimostrano solo di essere solamente i rappresentanti della vecchia politica che noi vogliano spazzare via”.

“Una cosa è certa” ha puntualizzato Desogus, “dopo aver vinto le elezioni noi governeremo solo nell’interesse dei cittadini, mentre centrodestra e centrosinistra faranno gli interessi di fazioni e gruppi di potere, come i sardi hanno già sperimentato”.

Desogus ha poi dato la parola ai due candidati più giovani delle liste del M5S, Anastasia Agus (candidata nella circoscrizione dell’Ogliastra) e Nicolò Murgioni di Carbonia-Iglesias. “La credibilità è ciò che ci differenzia dalle altre forze politiche: perché ciò che promettiamo lo facciamo e anche in maniera innovativa la nostra volontà farà la differenza” ha detto Agus. Murgioni ha invece portato all’attenzione della platea i problemi del Sulcis: “I giovani stanno scappando e non possiamo più stare a guardare. Non si può subire tutto questo senza far finta di niente. Chi ci ha governato non ha avuto a cuore il nostro futuro. Non c’è più tempo da perdere. Non possiamo permetterci altri cinque anni di politiche scellerate. Cambiamo la Sardegna”.

L’iniziativa è proseguita con i brevi interventi di tutti i sessanta candidati che hanno illustrato il programma elettorale e riportato la voce dei territori.

“Noi non lasceremo indietro nessuno, tutti saranno rappresentanti nella nostra squadra di governo” ha concluso Desogus. “Il nostro programma è un cantiere aperto, la fase di ascolto dei bisogni dei sardi continuerà fino al giorno delle elezioni”.

Ultima modifica: 3 febbraio 2019

In questo articolo