“Ciao Alessandro, eri un ragazzo d’altri tempi: il mondo è davvero ingiusto”

Tantissima commozione per la morte del 31enne di Serrenti Alessandro Serra, il ricordo del console onorario della Bielorussia in Sardegna: "Eri combattivo, con un grande senso della giustizia sociale e dell'altruismo. Ci mancherai tantissimo"



di Paolo Rapeanu

La morte di Alessandro Serra, il 31enne di Serrenti morto ieri nell’incidente stradale avvenuto sulla 130, getta nelle lacrime e nella disperazione molte persone. Amici, semplici conoscenti, politici e anche consoli. Giuseppe Carboni, console onorario della Bielorussia in Sardegna, ha collaborato molto con il 31enne, che era anche sposato con Anastasia, nata in Russia. Ecco il ricordo, molto toccante, pubblicato da Carboni.

“Una bruttissima notizia ci ha colpiti tutti: la scomparsa ieri per un incidente stradale del nostro amico e volontario Alessandro Serra! Alessandro era un ragazzo d’altri tempi, combattivo, con un grande senso della giustizia sociale e dell’altruismo e con grandi idealità! Lo ricordiamo con commozione nelle iniziative del progetto ‘Noi-Insieme’ sempre allegro, disponibile. Lascia la sua amatissima Anastasia  alla quale va il nostro abbraccio! Sapevamo che il mondo è ingiusto, ieri lo è stato ancora una volta di più, privando la famiglia di un caro ragazzo e la società civile sarda di una grande risorsa  che aveva ancora tanto da dare! Riposa in pace caro Alessandro”.

Ultima modifica: 6 dicembre 2018

In questo articolo