Cagliari, mostra sul destino dei malati psichici durante il nazismo

Sarà inaugurata il 5 novembre alle 15.30 nell’Aula Rossa della Cittadella dei Musei a Cagliari la Mostra documentaria “Schedati, perseguitati, sterminati. Malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo - Malati, manicomi e psichiatri in Italia: dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale”



Schedati, perseguitati, sterminati: inaugura lunedì 5 novembre alle 15.30 alla cittadella dei musei di Cagliari la mostra dedicata al destino dei malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo, curata dalla società italiana di psichiatria in collaborazione con la società tedesca di psichiatria, psicosomatica e psicoterapia, ospitata dall’università di Cagliari con il patrocinio dell’ateneo e dell’azienda ospedaliero-universitaria.

Sarà inaugurata il 5 novembre alle 15.30 nell’Aula Rossa della Cittadella dei Musei a Cagliari la Mostra documentaria “Schedati, perseguitati, sterminati. Malati psichici e disabili durante il nazionalsocialismo – Malati, manicomi e psichiatri in Italia: dal ventennio fascista alla seconda guerra mondiale”, organizzata dal professor Bernardo Carpiniello, docente ordinario di Psichiatria all’Università di Cagliari e direttore della Struttura Complessa di Psichiatria dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari.

All’inaugurazione, dopo i saluti del Rettore Maria Del Zompo e del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari, Giorgio Sorrentino,  interverranno Frank Schneider, Università di Achen (RFT), Past President Società Tedesca di Psichiatria e Psicoterapia, e Bernardo Carpiniello, Università di Cagliari, Presidente Società Italiana di Psichiatria.

L’esposizione, curata dalla Società Tedesca di Psichiatria, Psicosomatica e Psicoterapia (DGPPN), dalla Società Italiana di Psichiatria (SIP) e dal Network Europeo per la Psichiatria Psicodinamica (Netforpp), attraverso una cinquantina di pannelli recanti fotografie e copie di documenti e testimonianze originali, illustra gli orrori avvenuti durante il periodo nazista in Germania, con la sterilizzazione coattiva di circa 400mila persone affette da disturbi mentali e disabilità psichiche e la schedatura e la morte di circa 200mila persone ricoverate in Istituti di assistenza tedeschi, metodicamente assassinate a seguito di un programma segreto di eliminazione sistematica partito nell’autunno del 1939 su ordine di Hitler e giustificato da una presunta “inferiorità” in quanto portatrici di “difetti genetici”, noto come “operazione T4”.

La sezione dedicata all’Italia documenta il ruolo svolto da alcuni esponenti ufficiali della psichiatria italiana nella promulgazione delle Leggi Razziali volute da Mussolini e a sostegno delle teorie “eugenetiche”, le deportazioni verso i campi di sterminio tedeschi di tanti ricoverati, ebrei e non, dai manicomi italiani del Nord Italia occupati dai Nazisti, con la connivenza delle autorità italiane, e la morte, per mancanza di cibo, medicine e bombardamenti, di circa 30mila ricoverati negli ospedali psichiatrici italiani durante l’ultima guerra mondiale.

La Mostra, già esposta in diverse città europee ed extraeuropee, è stata presentata a Roma, al Vittoriano nella primavera del 2017 con grande successo di pubblico e sta ora girando in diverse città Italiane. “L’intento dell’iniziativa – al di là della divulgazione delle atrocità avvenute, poco note all’opinione pubblica – vuole essere lo spunto per una riflessione sui rischi a cui possono portare visioni distorte della realtà dettate da ignoranza e pregiudizi – spiega il prof. Carpiniello – anche in un’epoca come quella attuale in cui sembrano nuovamente riemergere in modo sempre più manifesto quei meccanismi di discriminazione ed emarginazione delle persone affette da disturbi mentali e disabilità psichiche, mai sopiti nel tempo”.

Anche per questo alla Mostra, il cui accesso è gratuito, è collegato un programma di visite guidate per le scolaresche della Sardegna e di incontri-dibattito negli istituti scolastici, finalizzati alla lotta ai pregiudizi e allo stigma di cui ancora oggi vengono gravati i sofferenti psichici.

La mostra – organizzata con il patrocinio e il supporto dell’Università degli Studi di Cagliari e della Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari – rimarrà aperta sino al 30 novembre nella Sala espositiva dell’Ateneo alla Cittadella dei Musei.

Ultima modifica: 31 ottobre 2018

In questo articolo