Cagliari, Massidda: “Stara attento, peso 90 kg e sono cintura nera di karate”

“E’ venuto con fare da bullo e gli ho detto “ma cosa vuoi fare”? Deve ricordarsi che Piergiorgio Massidda è in giacca e cravatta ma sa usare le mani”. Stara: “Da lui insinuazioni inaccettabili, ma lo scontro fisico non è nel mio stile”



“Peso 90 kg e sono cintura nera di karate”. Piergiorgio Massidda commenta così lo scontro di ieri in consiglio comunale con Franco Stara che replica “ero agitato, ma lo scontro fisico non è nel mio stile”. Le dichiarazioni dell’ex senatore forzista hanno scatenato la reazione di Franco Stara, consigliere del gruppo Autonomisti con Lussu ed ex Psd’Az (fuori dal partito dopo l’allontanamento di Chessa dalla giunta e la rottura tra Quattro Mori e il sindaco Zedda). Rissa verbale e contatto fisico evitato solo grazie all’intervento di altri consiglieri. E oggi Massidda è un fiume in piena. “L’ex assessore ha dato dei “mercenari” agli ex consiglieri sardisti che non hanno combattuto per Chessa e nella strada la gente ha gridato al voto di scambio. Ora io non dico che si siano venduti, più probabile che ci sia stato un comodato d’uso gratuito, forse in cambio di piccole cosettine”, commenta sarcastico, “il nostro bilancio purtroppo  è condizionato da questi giochetti”.

Poi passa alla lite di ieri. “Hai visto come ha reagito?”, aggiunge Massidda, “io non l’ho nemmeno nominato. Lui è entrato in consiglio grazie al fatto che Chessa è entrato in giunta e quando poi Chessa è stato fatto fuori non ha battuto ciglio. E poi dice a me “vecchia politica” e la nuova politica qual è? Quella che si vende? E tu parli a me di dignità? Mi ha anche minacciato. Ed è venuto con fare da bullo e gli ho detto “ma cosa vuoi fare”? Deve ricordarsi che Piergiorgio Massidda pesa 90 kg ed è cintura nera di karate non gli conviene. Io sono in giacca e cravatta ma so usare le mani. Lui mi ha aggredito, ma non l’ho cercato”.

Stara. In serata anche la replica di Franco Stara: “Mi sono arrabbiato perché si è rivolto contro la nostra capogruppo”, spiega, “le sue sono insinuazioni fuori luogo, noi non siamo né per sedie né per le sediette, ma siamo seri e abbiamo fatto un percorso elettorale con Zedda, abbiamo visto il programma e l’abbiamo accettato e andiamo avanti. Loro stanno sputando veleni, ma la devono smettere di strumentalizzare. Mi dispiace”, aggiunge, “per quello che è successo ieri. È stato un dibattito animato, ma non saremmo mai arrivati alle mani non è questo il mio stile. Per quanto riguardo Chessa”, conclude, “mercenari è un’affermazione grave che non posso accettare. Ricordo che quando il sindaco annunciò di rimuoverlo dalla giunta chiesi 24 ore di tempo per ponderare la decisione. Ma, purtroppo, venne meno la fiducia”.

eso 90 kg e sono cintura nera di karate”. Piergiorgio Massidda commenta così lo scontro di ieri in consiglio comunale con Franco Stara che replica “ero agitato, ma lo scontro fisico non è nel mio stile”. Le dichiarazioni dell’ex senatore forzista hanno scatenato la reazione di Franco Stara, consigliere del gruppo Autonomisti con Lussu ed ex Psd’Az (fuori dal partito dopo l’allontanamento di Chessa dalla giunta e la rottura tra Quattro Mori e il sindaco Zedda). Rissa verbale e contatto fisico evitato solo grazie all’intervento di altri consiglieri. E oggi Massidda è un fiume in piena. “L’ex assessore ha dato dei “mercenari” agli ex consiglieri sardisti che non hanno combattuto per Chessa e nella strada la gente ha gridato al voto di scambio. Ora io non dico che si siano venduti, più probabile che ci sia stato un comodato d’uso gratuito, forse in cambio di piccole cosettine”, commenta sarcastico, “il nostro bilancio purtroppo  è condizionato da questi giochetti”.

Poi passa alla lite di ieri. “Hai visto come ha reagito?”, aggiunge Massidda, “io non l’ho nemmeno nominato. Lui è entrato in consiglio grazie al fatto che Chessa è entrato in giunta e quando poi Chessa è stato fatto fuori non ha battuto ciglio. E poi dice a me “vecchia politica” e la nuova politica qual è? Quella che si vende? E tu parli a me di dignità? Mi ha anche minacciato. Ed è venuto con fare da bullo e gli ho detto “ma cosa vuoi fare”? Deve ricordarsi che Piergiorgio Massidda pesa 90 kg ed è cintura nera di karate non gli conviene. Io sono in giacca e cravatta ma so usare le mani. Lui mi ha aggredito, ma non l’ho cercato”.

Stara. In serata anche la replica di Franco Stara: “Mi sono arrabbiato perché si è rivolto contro la nostra capogruppo”, spiega, “le sue sono insinuazioni fuori luogo, noi non siamo né per sedie né per le sediette, ma siamo seri e abbiamo fatto un percorso elettorale con Zedda, abbiamo visto il programma e l’abbiamo accettato e andiamo avanti. Loro stanno sputando veleni, ma la devono smettere di strumentalizzare. Mi dispiace”, aggiunge, “per quello che è successo ieri. È stato un dibattito animato, ma non saremmo mai arrivati alle mani non è questo il mio stile. Per quanto riguardo Chessa”, conclude, “mercenari è un’affermazione grave che non posso accettare. Ricordo che quando il sindaco annunciò di rimuoverlo dalla giunta chiesi 24 ore di tempo per ponderare la decisione. Ma, purtroppo, venne meno la fiducia”.

Ultima modifica: 16 maggio 2018

In questo articolo