Allarme rosso per Tuerredda: “Spiaggia in agonia, una delle perle del Mediterraneo rischia di morire soffocata da ombrelloni e lettini”

Il durissimo allarme del Grig: "La spiaggia di Tuerredda nei mesi estivi letteralmente soffocata da chioschi, ombrelloni, parcheggi mentre dovrebbe esser salvata". Come? "Con un rigido numero chiuso di auto e bagnanti"



“Agonia di una perla del Mediterraneo”. Inizia così il duro attacco del Gruppo di intervento giuridico alla spiaggia di Tuerredda, a Teulada. Meglio, i granelli di sabbia sono quelli che gli ecologisti dicono di voler tutelare, e nel mirino finiscono le troppe presenze nei mesi estivi. La soluzione? Numero chiuso per gli accessi, in modalità “rigida”. Ecco, di seguito, le loro accuse e le loro proposte.

“Soffocata, coperta da ombrelloni e lettini, ridotta a una kasbah, assediata da centinaia di auto roventi sotto il sole, avvolta da olio solare e odori da cucina. Solo il mare, dove yacht e gommoni parcheggiano in doppia fila, mantiene gli straordinari colori del Mediterraneo. La sabbia non si vede più, calpestata da migliaia di presenze quotidiane.È la spiaggia di Tuerredda, a Teulada, nei mesi estivi letteralmente soffocata da chioschi, ombrelloni, parcheggi mentre dovrebbe esser salvata da un rigido numero chiuso di auto e bagnanti, come alla Pelosa di Stintino, per capirci. Ma, grazie anche all’ignavia della Regione autonoma della Sardegna, prodiga di inattuate ecologicissime linee guida per la gestione delle spiagge, all’Amministrazione comunale – dispostissima anche a farla assediare dal cemento – e ai vari imprenditori turistici che lucrano sul luogo non importa un beneamato fico secco. Nemmeno una stilla di vergogna. Hanno la mitica bandiera blu. Svetta su uno dei parcheggi, assegnata dalla Fondazione per l’Educazione Ambientale (F.E.E.): nell’immaginario collettivo, grazie anche a un’informazione superficiale, è sinonimo di qualità ambientale, in realtà i criteri di assegnazione sono molto di manica larga e spesso e volentieri rappresentano un grossolano maquillage d’immagine per veri e propri scempi ambientali. Nel mentre Tuerredda agonizza e, continuando così, fra qualche anno ne rimarrà solo il ricordo. Grazie all’ignavia, all’avidità, all’ipocrisia e al becerume”. 

Ultima modifica: 16 agosto 2018

In questo articolo