Abbanoa, Tedde (Fi): “L’assassino ritorna sempre sul luogo del delitto”

Il consigliere regionale di FI Marco Tedde commenta l’avvio di un altro procedimento istruttorio  dell’Antitrust contro Abbanoa, avviato per pratiche scorrette e aggressive contro consumatori e piccole imprese sarde



“L’assassino ritorna sempre sul luogo del delitto.” Il consigliere regionale di FI Marco Tedde commenta l’avvio di un altro procedimento istruttorio  dell’Antitrust contro Abbanoa, avviato  per pratiche scorrette e aggressive contro consumatori e piccole imprese sarde poste in essere nel periodo novembre 2017 – novembre 2018. Le violazioni contestate sono sempre lo stesse: mancato accoglimento di istanze di riconoscimento prescrizione e minacce di slaccio; mancata rettifica di fatture a seguito di perdite occulte; rifiuto di allacci individuali in presenza di utenze condominiali per ottenere il pagamento di morosità di altri condomini. “Nel giugno del 2017 –ricorda l’ex sindaco di Alghero- il Consiglio di Stato condannò Abbanoa a versare all’Antitrust una sanzione di 680 mila euro per pratiche commerciali scorrette. E cioè  minacce, slacci, pratiche vessatorie che in tutti questi anni Abbanoa ha perpetrato nei confronti degli utenti sardi che pur di non perdere l’acqua in casa spesso pagavano e si piegavano ai capricci ed a veri e propri soprusi da parte del Gestore Unico”. Sul tema Tedde ricorda di avere anche proposto una interrogazione a Pigliaru che ad oggi  è rimasta priva di risposta. “Chi pagherà questa somma? Certamente i cittadini sardi e non chi ha consumato questi soprusi –denuncia il consigliere regionale. Ora ci avviciniamo ad un’altra probabile condanna di Abbanoa per vessazioni nei confronti dei sardi. Credo che fra i compiti del prossimo governo regionale vi sia quello di fare luce sui responsabili di queste pratiche aggressive e di questi danni e di intraprendere iniziative che impediscano per il futuro l’attuazione di simili pratiche odiose, che violano i diritti più elementari dei sardi. Compreso quello di disporre dell’acqua, di una risorsa di cui non è possibile fare a meno –chiude Tedde-”.

Ultima modifica: 18 gennaio 2019

In questo articolo