A Cagliari la mostra fotografica “Humans of the Island”

L’intento è di lanciare un messaggio di inclusione sociale per le persone che giungono nel nostro paese e di creare un ponte con la terra di origine per i sardi emigrati altrove



L’idea nasce con l’intento di unire la riabilitazione psicosociale con la volontà di lanciare un messaggio di integrazione sociale per coloro che giungono nel nostro paese come migranti e di sostegno al legame con la terra di origine per chi è partito. Gli utenti del Centro di Psichiatria di Consultazione e Psicosomatica (AOU Cagliari) sono infatti i promotori di questo progetto, con il supporto degli operatori, realizzano così un’azione di sensibilizzazione mediatica sul tema della migrazione, esercitando un ruolo realmente attivo nella gestione e nel processo di miglioramento del progetto.

Si raccontano le storie delle migrazioni di ieri e di oggi con l’intento di lanciare un messaggio di inclusione sociale per le persone che giungono nel nostro paese e di creare un ponte con la terra di origine per i sardi emigrati altrove. Affiancando le storie dei nuovi arrivati con quelle dei sardi espatriati si cerca di suscitare una riflessione sulla similitudine di difficoltà che si possono incontrare quando si migra dal proprio paese d’origine e sui blocchi culturali che spesso accompagnano chi accoglie e chi viene accolto.

Il progetto si propone di creare una rete tra differenti realtà culturali e sociali con il fine di generare soluzioni innovative, sostenendo azioni di cittadinanza attiva e volontariato nell’ambito della promozione dell’inclusione sociale delle persone con disabilità psicosociale e del sostegno alle attività socioculturali, con particolare riferimento al tema della migrazione.

Dal 1 all’ 8 febbraio 2019 presso la Cittadella dei Musei a Cagliari.

Ultima modifica: 17 gennaio 2019

In questo articolo