A Cagliari Giogi ha il match ball per vincere tappa e circuito

Meno di 24 ore per il verdetto finale della Melges 32 World League 2018 in cui l’attuale leader della classifica generale, Giogi di Matteo Balestrero, ha più di un match ball nelle proprie mani per conquistare il titolo di migliore del circuito



La seconda e penultima giornata delle Melges World League Finals 2018 -organizzata dallo Yacht Club Cagliari con Melges Europe, con il supporto dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna, il Comune di Cagliari e la Regione Sardegna-  è tutta nel segno del team azzurro di Giogi (con lo sloveno Branko Bricin alla tattica) che, pur senza imporsi in alcune delle prove (oggi i bullets sono per Fra Martina di Edoardo Pavesio e Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato) inanella parziali da altissima classifica (4,3) e si porta al comando della tappa. Ma ciò che più conta per Giogi è difendere la leadership nel circuito, missione che sembra riuscire alla perfezione agli uomini di Balestrero grazie anche alle attuali posizioni dei diretti avversari che, più di Giogi, sembrano faticare a gestire la pressione di queste regate senza appello: Mascalzone Latino è per ora nono, il campione uscente Melges World League G.Spot decimo, il Campione del Mondo in carica Tavatuy quinto e il tedesco La Pericolosa, anche esso con ambizioni da titolo, dodicesimo.  Per questi team provare a riportarsi davanti a Giogi e distanziandolo anche dei punti necessari ad annullare il divario nella ranking di circuito appare una sfida più che in salita.

 

L’evento di Cagliari con le due prove disputate quest’oggi, e con quattro vincitori di giornata diversi fino a questo punto, continua nel segno del massimo equilibrio tra le forze in campo con i primi tre in soli due punti (Giogi, Wilma e Donino) e otto team racchiusi in soli 10 punti. Tutto può succedere in questa tappa ma realmente Giogi sembra avere in pugno la vittoria del circuito Melges 32 World League 2018.

Nella lotta per il podio s’inserisce anche Caipirinha, dove il cagliaritano Giovanni Meloni copre il ruolo di secondo tailer. “E’ la prima regata cui partecipo sul Melges 32, il livello è molto alto, siamo poche barche ma sempre molto attaccati e bastano due piccoli errori, per passare dalle prime alle ultime posizioni, vento c’è sempre stato, speriamo di recuperare domani le due prove non ancora disputate, intanto sono felice di essere tornato sui campi di regata da cui mancano da almeno tre anni per motivi lavorativi”

 

 

Ultima modifica: 1 settembre 2018

In questo articolo